2018 - 1annoSenzenze

home / Archivio / Fascicolo / L'assunzione di prove all'estero nel processo civile

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


L'assunzione di prove all'estero nel processo civile

Margherita Salvadori

L’autore, nel più ampio contesto delle fonti informative del processo civile, pone la propria attenzione sul complesso quadro normativo disciplinante l’assunzione di prove all’estero. In particolare, oggetto di trattazione sono, innanzitutto, le rogatorie alle autorità estere e le rogatorie consolari, entrambe disciplinate dall’art. 204 c.p.c., seguite poi dalle c.d. rogatorie internazionali civili passive, oggetto di revisione ad opera della legge n. 218/1995. L’e­laborato prosegue con l’analisi della “Convenzione sull’assunzione all’estero delle prove in materia civile o commerciale”, conclusa all’Aja il 18 marzo 1970, e del regolamento (CE) n. 1206/2001, “relativo alla cooperazione fra le autorità giudiziarie degli Stati membri nel settore dell’assunzione delle prove in materia civile o commerciale”, con particolare attenzione alle due procedure volte all’assunzione all’estero della prova: la cd. assistenza giudiziaria “attiva” e la c.d. assistenza giudiziaria “passiva”.

PAROLE CHIAVE: assunzione delle prove all’estero - rogatorie - procedure di assunzione

The author, in the broader context of the information sources of the civil trial, focuses on the complex regulatory framework governing the taking of evidence abroad. In particular, the subject of discussion are, first of all, rogatory letters to foreign authorities and consular rogatory letters, both governed by art. 204 code of Civil procedure, followed by the international civil passive rogatory letters, subject to revision by law no. 218/1995. The paper continues with the analysis of the “Convention on the taking of evidence in civil or commercial matters”, concluded in Aja on 18 March 1970, and of Regulation (EC) no. 1206 of 2001, “on cooperation between the courts of the Member States in the taking of evidence in civil or commercial matters”, with particular attention to the two procedures aimed at taking evidence abroad: the “active” judicial assistance and the “passive” judicial assistance.

Keywords: taking of evidence abroad – rogatory – procedures of taking of evidence.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

Sommario:

1. Introduzione - 2. Le previsioni del codice di procedura civile italiano, le rogatorie alle autorità estere e le rogatorie consolari - 3. Le previsioni della legge n. 218/1995, Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato, le c.d. rogatorie internazionali civili passive - 4. La convenzione dell'Aja del 1970 sull'assunzione delle prove al­l'estero in materia civile e commerciale - 5. Il regolamento (CE) n. 1206/2001 relativo alla cooperazione fra le autorità giudiziarie degli Stati membri nel settore dell'assunzione delle prove in materia civile o commerciale - 5.1. Le procedure di assunzione previste, l'assunzione giudiziaria attiva e l'assunzione giudiziaria passiva - Bibliografia essenziale


1. Introduzione

Trattando di fonti informative del processo civile, in accordo con il coordinatore Prof. Luciano Quattrocchio, è parso opportuno fare riferimento anche al complessivo quadro normativo che disciplina l’assunzione di prove all’estero. Lo svolgimento del processo civile avanti ad un giudice nazionale subisce diversi condizionamenti qualora elementi di estraneità tocchino la controversia, controversia che in punto assunzione delle prove è inevitabilmente soggetta al limite territoriale della sovranità statale attribuita al giudice nazionale. Ad esempio, laddove debba essere svolta attività all’estero finalizzata al­l’assunzione di una prova rilevante nel processo civile avanti ad un giudice italiano, la collocazione in altro Stato della prova incide direttamente sulle regole processuali relative al compimento dell’atto istruttorio, richiedendo un trattamento differenziato rispetto a quello normalmente applicabile. La diversa disciplina applicabile nel caso di assunzione di prove all’estero risponde infatti a un’esigenza imprescindibile, nascente dalla limitazione territoriale della possibilità di conduzione dell’attività giurisdizionale che, in forza del diritto internazionale generale, è attribuita in via esclusiva all’esercizio materiale della funzione giurisdizionale sul territorio. Ne consegue che il giudice italiano, così come il giudice di qualunque [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Le previsioni del codice di procedura civile italiano, le rogatorie alle autorità estere e le rogatorie consolari

Nell’ambito dell’ordinamento italiano, il punto di riferimento normativo è il codice di procedura civile, ove all’art. 204 c.p.c. sono disciplinate sia le rogatorie alle autorità estere sia le rogatorie consolari. Quanto alle rogatorie alle autorità estere, il primo comma dell’art. 204 c.p.c. disciplina la richiesta all’autorità straniera che raccoglie la prova attraverso i propri organi, nel rispetto del principio di sovranità nazionale e di territorialità della legge processuale: «Le rogatorie dei giudici italiani alle autorità estere per l’esecuzione di provvedimenti istruttori sono trasmesse per via diplomatica». Alla rogatoria internazionale – ossia l’atto con cui l’autorità giudiziaria di uno Stato richiede a quella di un altro Stato di compiere determinate attività processuali –, va fatto ricorso quando devono essere assunti mezzi di prova riguardanti cittadini stranieri. In particolare, quanto alla testimonianza, è riconosciuto il diritto dello straniero ad essere sentito davanti al giudice del luogo di residenza. Si ritiene che con la rogatoria possa essere assunto qualunque mezzo istruttorio ad eccezione, per alcuni, del libero interrogatorio delle parti. L’autorità estera raccoglierà la prova attraverso i propri organi, nel rispetto del principio di sovranità nazionale, nonché del [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Le previsioni della legge n. 218/1995, Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato, le c.d. rogatorie internazionali civili passive

La materia dell’assunzione delle prove richieste dalle Autorità giudiziarie straniere al giudice italiano, le c.d. rogatorie internazionali civili passive, ha formato oggetto della legge del 31 maggio 1995, n. 218 (Riforma del sistema di diritto internazionale privato italiano), il cui art. 73 ha abrogato espressamente, con decorrenza dal 31 dicembre 1996, gli artt. 802 e 803 c.p.c., il primo in tema di assunzione dei mezzi di prova disposti da giudici stranieri e il secondo in tema di esecuzione richiesta in via diplomatica. L’art. 69 della citata legge ha riscritto l’art. 802 c.p.c., abrogato, e in sostanza lo ha riprodotto, aggiungendo solo gli ultimi due commi. Il procedimento, perciò, è rimasto invariato rispetto all’abrogata previgente disciplina codicistica. Il giudice italiano competente per l’assunzione delle prove rogate dal giudice straniero è la Corte d’appello del luogo in cui si deve assumere la prova, la quale rende esecutivi, con decreto emesso in camera di consiglio, i provvedimenti dei giudici stranieri riguardanti le prove. Rispetto alla precedente disciplina, l’art. 69 ha eliminato l’obbligo per il giudice procedente di sentire il pubblico ministero. La richiesta di assunzione della prova può provenire sia dalla parte, attraverso un ricorso, al quale deve essere unita copia autentica della sentenza o del provvedimento che ha ordinato gli atti chiesti, sia dal giudice [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. La convenzione dell'Aja del 1970 sull'assunzione delle prove al­l'estero in materia civile e commerciale

Convenzione dell’Aja sull’assunzione all’estero delle prove in materia civile o commerciale è stata ratificata dall’Italia con legge del 24 ottobre 1980, n. 745, in G.U. del 12 novembre 1980 n. 310, S.O., ed in vigore per l’Italia dal 21 agosto 1982. L’ambito materiale di applicazione è definito in relazione alla determinazione delle classi di atti dei quali può essere chiesto il compimento all’estero. L’art. 1.1 afferma che all’autorità straniera può essere chiesto il compimento di «ogni atto di istruzione». La convenzione è caratterizzata invero da meccanismi particolarmente efficaci, i quali consentono al giudice italiano di assumere prove negli altri Stati contraenti con modalità compatibili con la sovranità straniera, e allo stesso tempo idonee a produrre risultati utilizzabili nel processo italiano. In essa, infatti, accanto al tradizionale metodo di assunzione della prova mediante il ricorso all’assistenza dello Stato in cui la prova è situata, disciplinata dal capitolo I della convenzione e precisamente agli artt. da 1 a 14, si è aggiunta la forma di assistenza passiva, cioè la possibilità di assunzione da parte di un agente diplomatico o consolare o ad opera di altro soggetto, allo scopo specificamente incaricato «commissioner», nel capitolo II della convenzione negli artt. da 15 a [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. Il regolamento (CE) n. 1206/2001 relativo alla cooperazione fra le autorità giudiziarie degli Stati membri nel settore dell'assunzione delle prove in materia civile o commerciale

L’ambito materiale di applicazione del regolamento (CE) n. 1206/2001 è definito dall’art. 1, il cui par. 1 prevede che il regolamento si applichi in materia civile o commerciale allorché, conformemente alle disposizioni della propria legislazione, l’autorità giudiziaria di uno Stato membro chieda (a) che l’autorità giudiziaria competente di un altro Stato membro proceda all’as­sun­zione delle prove, ovvero (b) di procedere direttamente essa stessa alla assunzione delle prove in un altro Stato membro. Il par. 2 dello stesso articolo precisa che non sono ammesse le richieste intese ad ottenere prove che non siano destinate ad essere utilizzate in procedimenti giudiziari pendenti o previsti. Pertanto, il regolamento si applica solo laddove l’atto il cui compimento è richiesto sia una «prova», restando estraneo all’ambito di applicazione del regolamento l’eventuale assistenza giudiziaria allorché l’atto in questione non abbia natura istruttoria, ma cautelare o esecutiva, come confermato anche dalla Corte di giustizia, con sentenza del 28 aprile 2005, C-104/03, nel caso St. Paul Dairy Industries. Infine, il campo di applicazione soggettivo è definito dal par. 3, ove si precisa che ai sensi del regolamento per «Stato membro» si intendono gli Stati membri dell’Unione Europea ad eccezione della Danimarca. Di conseguenza tra la Danimarca e [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5.1. Le procedure di assunzione previste, l'assunzione giudiziaria attiva e l'assunzione giudiziaria passiva

Il citato art. 1 prevede due distinte procedure volte all’assunzione all’estero della prova. La prima (c.d. assistenza giudiziaria “attiva”) basata sull’in­ter­vento e la cooperazione dell’autorità giudiziaria dello Stato membro in cui la prova deve essere raccolta (definita come “autorità giudiziaria richiesta”); la seconda (c.d. assistenza giudiziaria “passiva”) consistente nella diretta assunzione, previa autorizzazione, della prova da parte dell’autorità giudiziaria dello Stato membro in cui essa è destinata ad essere utilizzata (definita come “autorità giudiziaria richiedente”). Le due procedure, ancorché oggetto di specifica e distinta disciplina (di cui agli artt. 10-16 per la prima e all’art. 17 per la seconda), sono riconducibili ad un comune denominatore: entrambe, infatti, sono avviate da una richiesta formulata dall’autorità giudiziaria dello Stato in cui la prova è destinata ad essere utilizzata e rivolta all’autorità dello Stato in cui la prova deve essere assunta. La necessità di tale richiesta, comune ai due sistemi, induce anche l’applicazione di regole in parte comuni, intese a definirne la forma ed il contenuto, nonché le modalità di trasmissione tra le autorità degli Stati membri, ispirate a principi di semplificazione, rapidità ed [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Bibliografia essenziale

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social