arato

home / Archivio / Fascicolo / L'omologazione del concordato preventivo

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


L'omologazione del concordato preventivo

Teresa Maria Francioso

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

Sommario:

1. L’omologazione del concordato preventivo - 2. Le cessioni nel concordato preventivo - 3. Il concordato omologato ineseguito, non risolto, e il fallimento successivo


1. L’omologazione del concordato preventivo

1.1. La disciplina originaria Nell’impianto originario della legge fallimentare l’omologazione del concordato preventivo, regolata dagli art. 180 (procedimento) e 181 l.f. (valutazioni rimesse al tribunale e provvedimento conclusivo), presentava i seguenti tratti essenziali: • impulso d’ufficio (ordinanza del giudice delegato e iscrizione a ruolo da parte del commissario giudiziale o del debitore); • rito ordinario; • parti in senso sostanziale (le quali non necessitavano di costituzione potendo semplicemente comparire): debitore, eventuale assuntore, opponenti, commissario giudiziale (parte formale, ausiliario del giudice, che si esprimeva attraverso un parere sulla legittimità e sul merito del concordato). Il pubblico ministero non era considerato parte del giudizio di omologazione, ancorché il suo intervento fosse ritenuto necessario. Legittimati all’opposizione erano: • i creditori dissenzienti (per tali intendendosi coloro che avevano espresso voto contrario); • qualunque interessato (portatori di interesse giuridico e non di mero fatto suscettibili di subire pregiudizio dall’omologazione: creditori assenti, astenuti, non ammessi al voto, favorevoli con voto nullo o vizio del consenso, privilegiati, assuntore, garante). L’oggetto del giudizio consisteva in un controllo di legalità e di merito. Costituivano condizioni di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Le cessioni nel concordato preventivo

Nel concordato con cessione dei beni ai creditori il tribunale nomina il liquidatore giudiziale (deve avere i requisiti soggettivi di cui all’art. 28 l.f.). Un primo problema che si pone è quello del contratto preliminare. In generale, il contratto preliminare (cfr. artt. 169 e 45 l.f.) è opponibile alla procedura solo se trascritto (o se trascritta la domanda ex art. 2932 c.c.) prima del deposito della domanda di concordato, salvo che il debitore non abbia chiesto e ottenuto autorizzazione a sciogliersi ex art. 169-bis l.f. (facoltà che non può essere esercitata per i preliminari di cui all’art. 72, comma 8, l.f.). Se il preliminare è opponibile ed efficace il liquidatore deve dargli esecuzione. Diverso discorso si deve fare con riferimento ai preliminari stipulati in funzione di regolazione della crisi, sul punto si riteneva che, nonostante fosse astrattamente preferibile mettere il promissario acquirente in competizione con il mercato, la proposta c.d. “blindata” impedisse al liquidatore di espletare la gara. Se vi è, invece, offerta irrevocabile di acquisto la si sottopone alla gara (ora sul punto, cfr. art. 163-bis l.f.). In generale, in caso di cessione dei beni è previsto il parere del comitato dei creditori (nominato nel decreto di omologazione) e devono essere espletate procedure competitive. La vendita effettuata in sede di fallimento ha natura di vendita [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Il concordato omologato ineseguito, non risolto, e il fallimento successivo

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social