carbone

home / Archivio / Fascicolo / La sostenibilità del debito e il test pratico per la verifica della ragionevole ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


La sostenibilità del debito e il test pratico per la verifica della ragionevole perseguibilità del risanamento, ai sensi del d.l. n. 118/2021

Luca Maria Manzi, Professore associato presso l’Università degli Studi di TorinoSilvia Gordano, Dottoranda in Business and management presso l’Università degli Studi di Torino

Nell’ambito del Codice della Crisi d’impresa e dell’Insolvenza, l’approfondimento illustra la procedura di composizione negoziata per la soluzione della crisi d’impresa, nonché la figura professionale dell’esperto indipendente. In tale prospettiva di analisi, gli autori si soffermano sul test pratico individuato dalla normativa di riferimento al fine della valutazione della prospettiva per un risanamento aziendale, nonché sulla sostenibilità del debito nel caso della continuità sia diretta, sia indiretta.

Parole chiave: crisi d’impresa – test pratico – debito.

The sustainability of the debt and the practical test for verifying the reasonable prosecution of the recovery, pursuant to d.l. n. 118/2021

In the context of the Corporate Crisis and Insolvency Code, the in-depth study illustrates the negotiated settlement procedure for the solution of the corporate crisis, as well as the professional figure of the independent expert. In this analysis perspective, the authors focus on the practical test identified by the reference legislation for the purpose of evaluating the prospect for corporate recovery, as well as on debt sustainability in the case of both direct and indirect continuity.

Keywords: corporate crisis – practical test – debt.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

Sommario:

1. Premessa - 2. Inquadramento del test pratico: finalità e logiche sottostanti - 2.1. La sostenibilità del debito nel caso della continuità diretta - 2.2. La sostenibilità del debito nel caso della continuità indiretta - 2.3. La valutazione circa la complessità del risanamento - 3. La conduzione del test - 3.1. I flussi annui a servizio del debito da ristrutturare - 3.1.1. La determinazione del margine operativo lordo - 3.1.2. L’andamento corrente e quello prospettico - 3.1.3. L’andamento corrente/prospettico normalizzato - 3.1.4. L’azienda in equilibrio/squilibrio economico - 3.2. Il debito da ristrutturare - 3.3. La documentazione di supporto - 4. La lettura del risultato in funzione del grado di difficoltà del risanamento - NOTE


1. Premessa

Il d.l. 24 agosto 2021, n. 118, convertito con legge n. 147/2021, al capo I (artt. 1-23), detta misure urgenti in materia di crisi d’impresa e di risanamento aziendale. Tale intervento legislativo si inserisce all’interno del quadro normativo introdotto dal d.lgs. n. 14/2019, in attuazione della legge n. 155/2017, recante il Codice della Crisi d’impresa e dell’Insolvenza (c.c.i.). Il d.l. n. 118/2021 (nel seguito, d.l.), oltre a fissare l’entrata in vigore del c.c.i. al 16 maggio 2022 [1] e delle procedure di allerta e composizione assistita (titolo II, Parte prima, del c.c.i.) al 31 dicembre 2023 (art. 1), introduce all’art 2 una nuova una procedura di composizione negoziata per la soluzione della crisi d’impre­sa, stante la necessità di consentire alle imprese di «contenere e superare gli effetti negativi che l’emergenza epidemiologica da SARS-CoV-2 ha prodotto e sta producendo sul tessuto socio-economico nazionale» (legge n. 147/2021). In quest’ottica, il nuovo istituto previsto dalla norma si configura come uno strumento per il risanamento aziendale a carattere volontario, extra-giudiziale e riservato, più agile e destrutturato rispetto alle procedure di allerta e composizione assistita. L’obiettivo è il salvataggio dell’impresa in difficoltà, ancorché ancora risanabile, attraverso una procedura poco onerosa, incentrata sulla figura professionale [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Inquadramento del test pratico: finalità e logiche sottostanti

Il test pratico per la verifica della ragionevole perseguibilità del risanamento viene compilato dall’imprenditore e allegato all’istanza di nomina dell’e­sperto sulla piattaforma telematica. Nel momento dell’incontro con l’esperto, si instaura una dialettica tra esperto ed imprenditore, in cui il test compilato da quest’ultimo viene riesaminato ed eventualmente corretto da parte dell’esperto (d.d., sez. III, § 2.2). Inoltre, qualora l’imprenditore non lo abbia già allegato, l’esperto provvede alla sua compilazione congiuntamente con l’imprenditore. Il riesame o, eventualmente, la compilazione congiunta del test, costituisce un primo strumento di confronto e collaborazione tra imprenditore ed esperto. Il test rappresenta, al contempo, un mezzo di autovalutazione per l’imprenditore, nonché uno strumento a disposizione dell’esperto per cominciare a comprendere e valutare l’azienda, non solo attraverso il suo esito, ma anche, e soprattutto, attraverso la sua costruzione e il confronto diretto con l’imprenditore. Il test, tuttavia, non è da considerarsi come unico strumento attraverso cui l’esperto giunge alla formulazione della propria valutazione sulla percorribilità del risanamento: «l’esperto svolge la verifica preliminare di perseguibilità del risanamento anche sulla base del test disponibile online» (d.d., sez. III, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.1. La sostenibilità del debito nel caso della continuità diretta

La possibilità di un risanamento in continuità diretta si prefigura qualora l’imprenditore presenti dei flussi finanziari della gestione corrente – generati storicamente dall’azienda, o attraverso un processo di ristrutturazione aziendale – che permettano il rimborso dei debiti da ristrutturare. La strada della continuità diretta è sicuramente percorribile dall’azienda che sia in grado, storicamente, di produrre dei flussi economici attraverso la propria gestione operativa, ma che gravi in uno stato di squilibrio finanziario a causa di errate politiche finanziarie poste in essere in passato, o per effetto di eventi esogeni (quali, ad esempio, il Covid), che abbiano dato origine ad un eccessivo indebitamento. In tali circostanze, il piano di risanamento potrà limitarsi ad una revisione del debito, in termini di entità e di tempistiche, tale da rendere l’indebitamento coerente rispetto ai flussi finanziari generati dalla gestione corrente. In questa casistica, il ruolo dell’esperto sarà orientato prevalentemente alla richiesta di un sacrificio ai creditori al fine di ‘correggere’ la posizione debitoria dell’im­presa. Qualora, invece, dalla compilazione del test emergesse una sostanziale inadeguatezza dei flussi finanziari operativi a far fronte ad un livello di indebitamento funzionale alla conduzione dell’attività d’impresa, la [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.2. La sostenibilità del debito nel caso della continuità indiretta

Qualora il test indichi che, pur attuando una revisione dell’indebitamento e/o immettendo flussi finanziari rivisitati alla luce del piano industriale, l’impresa non sia in grado di far fronte ai debiti da ristrutturare attraverso i flussi della propria gestione corrente, la possibilità di un risanamento in continuità indiretta viene valutata dall’esperto. La continuazione dell’attività in via indiretta implica il passaggio dell’attività ad un atro soggetto giuridico, ossia il trasferimento dell’azienda (affitto, conferimento, cessione). Nel d.d. il trasferimento d’azienda viene pragmaticamente indicato come trasferimento attraverso cessione d’azienda o di ramo/i d’azienda: solo attraverso la cessione, infatti, possono essere liberate (nel caso di cessione di ramo d’azienda), o ottenute come corrispettivo (nel caso di cessione del complesso aziendale), risorse finanziarie da porre al servizio del debito da ristrutturare. Ai fini della valutazione, «occorre stimare le risorse realizzabili attraverso la cessione dell’azienda o di rami di essa e compararle con il debito che deve essere servito per comprendere la praticabilità del risanamento» (d.d., sez. I, § 7). L’esperto deve pertanto verificare che i flussi finanziari liberati attraverso la cessione di un ramo aziendale o ottenuti come corrispettivo della cessione dell’azienda, siano in grado di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.3. La valutazione circa la complessità del risanamento

La valutazione preliminare effettuata attraverso lo svolgimento del test deve condurre l’esperto a valutare se vi sia una possibilità di risanamento da parte dell’imprenditore e, in tal caso, per quali vie. Le seguenti direzioni di risanamento possono prefigurarsi (d.d. 28 settembre 2021, sez. I, § 4): ·      l’andamento corrente dell’impresa è sufficiente ad individuare il percorso di risanamento; ·      il risanamento è perseguibile attraverso la via della continuità diretta, tuttavia si rende necessaria l’attenta formulazione ed implementazione di un piano di ristrutturazione aziendale: in tal caso, l’esperto è chiamato a valutare la solidità del piano di risanamento, al fine di verificare la possibilità di superare lo stato di crisi attraverso iniziative in discontinuità, nel quadro della continuità aziendale; ·      il risanamento non è perseguibile attraverso la continuità in via diretta, bensì indiretta: il piano di risanamento non è sufficiente a prospettare il ripristino di una situazione di equilibrio economico-finanziario per la via della prosecuzione in forma diretta, pertanto l’opzione di cessione dell’a­zienda o di rami di essa viene valutata. L’alternativa della liquidazione del­l’azienda non è [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. La conduzione del test

Per determinare la capacità o meno dell’impresa di procedere al risanamento aziendale, nonché la complessità del percorso di risanamento, la normativa parte dal concetto di flusso finanziario a servizio del debito da ristrutturare. La modalità di calcolo di tale indice, così come identificata dal d.d., è nel seguito analizzata.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.1. I flussi annui a servizio del debito da ristrutturare

Il d.d. basa il test preliminare sui flussi finanziari che l’azienda riesce a porre a disposizione del debito da servire, intendendo come flussi finanziari, i flussi annui al servizio del debito che la gestione d’impresa è mediamente in grado di generare a regime (d.d., sez. I, § 1). Tali flussi finanziari vengono identificati attraverso dei flussi di cassa potenziali, ossia determinati in base al Conto Economico (C.E.), individuando successivamente dei correttivi. In particolare, il flusso a servizio del debito, così come indicato dal d.d., si basa sul margine operativo lordo prospettico normalizzato annuo, al quale vengono sottratti gli investimenti di mantenimento annui a regime, nonché le imposte sul reddito:   Margine operativo lordo prospettico normalizzato annuo (–) Investimenti di mantenimento annui a regime (–) Imposte sul reddito d’esercizio Flussi a servizio del debito da ristrutturare

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.1.1. La determinazione del margine operativo lordo

Il margine operativo lordo è il flusso di cassa potenziale che permette all’azienda di far fronte, attraverso i mezzi normali di pagamento (grandezza flusso), al suo indebitamento (grandezza stock). Si tratta di un risultato intermedio di C.E. cui si può giungere, attraverso una modalità di calcolo diretta, partendo da una riclassificazione a valore aggiunto del C.E. civilistico. Nella riclassificazione a valore aggiunto, al valore della produzione effettuata (voce A) si contrappongono i costi per natura relativi all’utilizzo dei fattori produttivi impiegati/consumati per effettuare la produzione. Tali costi vengono ulteriormente distinti in costi esterni, se sostenuti dall’impresa per l’acquisto di fattori produttivi dall’esterno (voci B.6, B.11, B.7, B.8, B.14), e interni (costi per il personale, voce B.9), al fine di evidenziare come primo risultato intermedio il valore aggiunto, ossia il valore generato dall’impresa, che verrà utilizzato per remunerare, da una parte, il fattore lavoro, e dall’altra, il fattore capitale. Sottraendo al valore aggiunto il costo del lavoro, si ottiene il margine operativo lordo (MOL). Essendo determinato come differenza tra ricavi e costi monetari, il MOL rappresenta una grandezza che non risulta influenzata dall’incidenza di costi e ricavi non monetari (ammortamenti, svalutazioni e accantonamenti, rivalutazioni). Per tale ragione, il MOL viene spesso utilizzato come [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.1.2. L’andamento corrente e quello prospettico

Il d.d. stabilisce, inoltre, che «il test si fonda principalmente sui dati di flusso a regime che, secondo la migliore valutazione dell’imprenditore, possono corrispondere a quelli correnti o derivare dall’esito delle iniziative industriali in corso di attuazione o che l’imprenditore intende adottare» (d.d., sez. I, § 1, enfasi aggiunta). Pertanto, il MOL utilizzato ai fini del calcolo può essere identificato in un MOL corrente o prospettico. Essendo il test caricato dal­l’imprenditore, spetta all’imprenditore stesso valutare l’opportunità di utilizzare dati storici o previsionali. Nel primo caso, data la documentazione da depositare in sede di presentazione della domanda (art. 5, comma 3, d.l. n. 118/2021), la determinazione del MOL potrebbe ragionevolmente basarsi sul­l’andamento economico attuale così come risultante dagli ultimi tre bilanci depositati, qualora l’imprenditore ritenesse che tale flusso storico ben approssimi il flusso normale dell’impresa. Alternativamente, l’imprenditore può utilizzare il MOL che stima l’azienda possa conseguire negli esercizi futuri, sulla base delle iniziative del piano industriale che si intende attuare/in corso di attuazione. Il ricorso a dati previsionali è da ritenersi necessario a fronte di una discontinuità dell’attività aziendale, dovuta ad esempio a cambiamenti nel mercato interno ed [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.1.3. L’andamento corrente/prospettico normalizzato

Il flusso del MOL considerato (corrente o prospettico), inoltre, deve essere normalizzato, ossia depurato delle eventuali componenti di reddito straordinarie, così da identificare la reale capacità reddituale dell’impresa. Dal momento che il MOL rappresenta un flusso di cassa potenziale, il processo di normalizzazione consente di giungere a una grandezza flusso media, che rifletta il più possibile un flusso di cassa effettivo. Nonostante esso non comprenda, per costruzione, componenti (positive o negative) di reddito non monetarie non ricorrenti (es. svalutazioni di partecipazioni, svalutazione del­l’avviamento, rivalutazione del magazzino), tuttavia, alcune componenti non ricorrenti possono essere contenute nelle voci A5) Altri ricavi e B14) Oneri diversi di gestione (i cui dettagli sono forniti in Nota Integrativa), entrambe ricomprese come elementi positivi e negativi di reddito nel calcolo del MOL. In particolare, i componenti positivi di reddito di natura non ricorrente, compresi nella voce A5, sono i seguenti: ·      plusvalenze di natura non finanziaria (ad esempio, derivanti da alienazione di cespiti, da operazioni straordinarie, da operazioni di riconversione produttiva, da acquisizione di immobilizzazioni materiali a titolo gratuito); ·      rispristini di valore (nei limiti del costo storico) a seguito di precedenti svalutazioni delle immobilizzazioni materiali [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.1.4. L’azienda in equilibrio/squilibrio economico

La lettura del free cash flow così ottenuto, ossia determinato come MOL prospettico normalizzato al netto di investimenti di mantenimento e imposte sul reddito, consente all’imprenditore e all’esperto di verificare la sussistenza di una condizione di equilibrio/squilibrio economico. L’azienda può definirsi in equilibrio economico, qualora riesca a produrre un free cash flow positivo. Contrariamente, l’azienda che non sia in grado di generare un flusso finanziario potenziale superiore a zero, si trova in una situazione di squilibrio economico. Nella logica di valutare la capacità dell’impresa di far fronte ai propri debiti attraverso la continuazione dell’attività d’impresa, la presenza di una situazione di squilibrio economico rappresenta uno degli elementi che maggiormente si scontra con i presupposti della continuità aziendale. Come si vedrà nel seguito (paragrafo 3.2.1.), il d.d. ammette che l’azienda possa procedere nel processo di risanamento in una situazione di squilibrio economico – il grado di difficoltà da affrontare per il risanamento sarà conseguentemente determinato dal risultato del rapporto tra il debito che deve essere ristrutturato e l’ammontare annuo dei flussi al servizio del debito – tuttavia, ciò è consentito soltanto a condizione che la situazione di squilibrio venga superata dopo il primo anno di attuazione delle [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.2. Il debito da ristrutturare

Il test preliminare volto a supportare la valutazione circa la percorribilità e complessità del risanamento, si basa sulla verifica della coerenza tra i flussi operativi potenziali, al netto degli investimenti di mantenimento e delle imposte sul reddito, e lo stock di debito da ristrutturare. Il debito da ristrutturare, così come identificato dal d.d., non coincide con il totale dei debiti aziendali. Il tradizionale indice di sostenibilità dell’indebitamento, largamente impiegato nel mondo bancario per la valutazione del merito creditizio, è stato riadattato al fine di permettere un esame dell’adeguatezza dei flussi finanziari potenziali dell’azienda a rimborsare il debito che, attraverso le varie trattative con i creditori, l’imprenditore deve impegnarsi a restituire. La Sezione I, paragrafo 2, del d.d., fornisce indicazioni sulle poste che possono essere ricomprese nella determinazione del debito da ristrutturare, stabilendo che l’entità del debito che deve essere ristrutturato è pari a: Debito scaduto, di cui relativo ad iscrizioni a ruolo (+) debito riscadenziato o oggetto di moratorie (+) linee di credito bancarie utilizzate delle quali non ci si attende il rinnovo (+) rate di muti e finanziamenti in scadenza nei successivi 2 anni (+) investimenti relativi alle iniziative industriali che si intendono adottare (–) ammontare delle risorse ritraibili dalla dismissione di cespiti o [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.3. La documentazione di supporto

Una problematica che l’esperto si trova a dover affrontare riguarda il dove poter reperire le informazioni necessarie alla quantificazione del rapporto tra debito da ristrutturare e flussi annui a servizio del debito. Tra la documentazione che l’imprenditore è tenuto a depositare sulla piattaforma telematica al momento della presentazione dell’istanza, compaiono i bilanci degli ultimi tre esercizi (se non già depositati presso l’ufficio del registro delle imprese), oppure, per gli imprenditori che non sono tenuti al deposito dei bilanci, le dichiarazioni dei redditi e dell’IVA degli ultimi tre periodi di imposta, nonché una situazione patrimoniale e finanziaria aggiornata a non oltre sessanta giorni prima della presentazione dell’istanza (art. 5, comma 3, d.l. n. 118/2021). Tale situazione patrimoniale e finanziaria non viene disciplinata dal d.d., il quale rimanda all’OIC 30 – Bilanci intermedi, senza tuttavia definirne il contenuto. Venendo, tuttavia, definita come una relazione patrimoniale e finanziaria, è da ritenersi che il dettato normativo implicitamente richieda la redazione di uno Stato Patrimoniale che possa essere facilmente leggibile dal punto di vista finanziario, e da cui poter trarre informazioni utili ai fini della conduzione del test. In questa prospettiva, nel ricondurre le poste ricomprese nel calcolo del debito da ristrutturare alla documentazione supportale messa a [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. La lettura del risultato in funzione del grado di difficoltà del risanamento

Il d.d., nella sezione I, paragrafo 4, fornisce una chiave di lettura dei risultati del test pratico. Il raffronto tra il valore del rapporto e i valori soglia individuati è utile a rendere evidente il grado di difficoltà che l’imprenditore dovrà affrontare e quanto il risanamento dipenderà dalla capacità di adottare iniziative in discontinuità e dall’intensità delle stesse. In particolare: ·      se il rapporto non supera l’unità (ossia il flusso di un anno riesce a coprire il debito da ristrutturare), e fino ad un certo livello, che può collocarsi attorno a 2, l’indice segnala difficoltà contenute. In tal caso, il supporto da parte dell’esperto sarà orientato principalmente ad evitare eventuali aggressioni del patrimonio aziendale o ad alleviare momenti di tensione finanziaria temporanei, tramite raggiungimento di accordi con i creditori. L’im­presa, attraverso la propria gestione corrente, è in grado, in assenza di elementi accidentali, di far fronte al risanamento: occorre stabilire un rapporto con i creditori affinché consentano all’azienda di tornare a una situazione normale di pagamento dei debiti, senza compromettere i suoi normali flussi finanziari. La formulazione delle proposte ai creditori può pertanto essere effettuata sulla sola base dell’andamento corrente e la redazione del piano [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio