carbone

home / Archivio / Fascicolo / Fra rischio e azzardo: la comunicazione aziendale in contesti di incertezza continua. La grande ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Fra rischio e azzardo: la comunicazione aziendale in contesti di incertezza continua. La grande onda di Kanagawa e l´Uroboro. La grande onda: l´incertezza continua

Maria Grazia Turri, Professoressa a contratto presso l’Università degli Studi di Torino

Nell’attuale panorama di incertezza legato alle crisi economiche, alla pandemia da Covid-19 e al conflitto fra Russia e Ucraina, l’approfondimento illustra la disciplina del Risk Management, soffermandosi – in particolare – sulla comunicazione aziendale. In tale contesto, l’autore analizza – dapprima – la decisione e il rischio, per poi terminare la trattazione con un’approfondita analisi della comunicazione funzionale a prevenire il rischio reputazionale.

Parole chiave: rischio – incertezza – comunicazione.

Between risk and hazard: corporate communication in contexts of continuous uncertainty. The great wave of Kanagawa and the Ouroboros. The great wave: uncertainty continues

Within the current of uncertainty linked to the economic crises, the Covid-19 pandemic and the conflict between Russia and Ukraine, the paper illustrates the discipline of Risk Management, focusing – in particular – on corporate communication. In this context, the author analyzes – firstly – the decision and the risk, and then he ends with an in-depth analysis of functional communication to prevent reputational risk.

Keywords: risk – uncertainty – communication.

Il susseguirsi delle crisi economiche, che dal 2007 hanno attanagliato prima gli Stati Uniti e poi l’Europa, la pandemia Covid-19, la guerra nel cuore dell’Europa, il rialzo dei prezzi della gran parte delle materie prime con la conseguente ripresa dell’inflazione, e tassi di crescita dei paesi occidentali molto risicati con lo spettro di una reale stagflazione hanno mandato in frantumi un intero pantheon di miti e simboli che da decenni imperano nei paesi occidentali (si cresce ininterrottamente in termini quantitativi, anche se di poco ma si cresce; i figli avranno maggiori opportunità dei padri; il numero dei laureati sulla popolazione sarà sempre in espansione; vivremo più a lungo dei nostri predecessori; qualunque bene prodotto verrà sempre comprato a prescindere) e hanno creato le condizioni di una incertezza strutturale.

Se l’antichità classica e medievale sono stati i tempi della certezza e della sua ricerca e ciò che era incerto e misterioso è stato controllato riconducendolo al numinoso, al sacro e al religioso, è Descartes che si confronta con la certezza e osa metterla in discussione, il che fa sì che a partire dal XVII secolo il controllo non sia più affrontato con strumenti teologici, bensì con quelli matematici: il calcolo delle probabilità, [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

Sommario:

1. La decisione e il rischio nell’Economics - 2. La decisione e il rischio nel cervello - 3. Il rischio reputazionale: come comunicare per prevenirlo - Bibliografia


1. La decisione e il rischio nell’Economics

Prima che il cervello venisse sottoposto ad analisi sempre più rigorose, il potere decisionale in campo economico era affidato solo ed esclusivamente all’homo oeconomicus, un’entità, la cui configurazione è rinvenibile nel saggio Sulla definizione di economia politica del 1836 di John Stuart Mill, utilizzata da Alfred Marshall, diffusa da Vilfredo Pareto e da Maffeo Pantaleoni, e che indica un attore sociale in grado di ordinare razionalmente le sue preferenze, di essere perfettamente informato sullo stato del mondo attuale e su tutti i futuri stati possibili e che agisce perseguendo unicamente obiettivi di massimizzazione dei benefici o di minimizzazione delle perdite; sostanzialmente un individuo che agisce in base al calcolo dei propri interessi e in preda ad animal spirits – il termine utilizzato da Paolo di Tarso nella lettera ai Corinzi (12-16) e poi ripreso da Keynes –, un soggetto razionale, volitivo e informato e che raffigura l’unità monadica che opera in un mercato competitivo ed efficiente. Si tratta di un termine che include l’impermeabilità dell’essere umano, in ambito economico, agli stati affettivi (emozioni, sentimenti, stati d’animo); un essere umano in grado di prevedere gli esiti futuri dei propri e altrui comportamenti grazie alla sua “razionalità”, essendo sempre e in ogni situazione in possesso di tutte le informazioni necessarie per mettere in atto [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. La decisione e il rischio nel cervello

Sono stati, dapprima, gli studi psicologici di Daniel Kahneman e Amos Tversky, iniziati nel 1979, e focalizzati su come l’individuo si pone di fronte a delle decisioni, soprattutto in situazioni di rischio, e poi le analisi di Jonathan Evans, nel 1984, a mettere in luce che ci sono due approcci decisionali differenti: i primi sono intuitivi, inconsapevoli, connessi con la sopravvivenza dell’individuo; i secondi sono controllati, sequenziali, avviabili con un atto di volontà e correlati allo sforzo mentale svolto. Kahneman e Tversky al fine di spiegare i comportamenti ‘non razionali’ delle persone ordinarie fanno riferimento ai concetti di euristiche e bias. Nel 1974 pubblicarono un articolo che in otto pagine descriveva le prime tre euristiche risultate da numerosi esperimenti: della rappresentatività, della disponibilità e dell’ancoraggio. Secondo loro alla base del ragionamento non ci sono complesse strategie cognitive derivanti dai principi e dalle regole della logica classica, della Teoria della probabilità e della Teoria dell’utilità attesa, bensì procedure cognitive proprie della mente, le quali si attivano in maniera automatica quando affrontiamo problemi o prendiamo decisioni. Esse non garantiscono sempre la soluzione corretta, in quanto risultano affidabili solo se applicate in ambiti di loro competenza, in caso contrario conducono a errori. Tuttavia, consentono di raggiungere risultati [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Il rischio reputazionale: come comunicare per prevenirlo

C’è un rischio di fondo che sul piano comunicativo è dirimente a fronte delle decisioni, ed è quello reputazionale, perché potenzialmente può causare notevoli danni all’immagine di un’azienda. Si tratta di un asset intangibile e multidimensionale e molto difficile da prevedere, da anticipare. Innumerevoli sono le variabili da tenere sotto controllo e spesso può risultare complesso considerare e monitorare ogni singolo possibile rischio e decisione che può condurre a questo rischio sistemico. Ecco perché è importante mantenere un continuo dialogo, che presuppone innanzitutto un attento ascolto, degli stakeholder dell’azienda: azionisti, clienti, collaboratori, fornitori, ambiente, concorrenti e istituzioni. Quando la situazione economica data da questa continua e esponenziale incertezza colpisce i mercati reali e finanziari rendendoli instabili, i processi gestionali si complicano e la normativa evolvendosi e allargandosi rende ancora più difficile prendere decisione. È una situazione che metaforicamente è rappresentabile con l’Uroboro, l’immagine mitologica del serpente che mangia la sua coda e ciò ch’essa contiene, nutrendosi di se stesso. Quello a cui si assiste è che le “aziende di successo” hanno dovuto sviluppare una innovata capacità di proteggere e massimizzare le fonti di valore, materiali e immateriali, che [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Bibliografia

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio