newsletter

home / Archivio / Fascicolo / La posizione della giurisprudenza piemontese in tema di assegno divorzile

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


La posizione della giurisprudenza piemontese in tema di assegno divorzile

Carla Beltramino, Giudice presso la Corte d’Appello di Torino

L’intervento si pone l’obiettivo di analizzare la posizione della giurisprudenza piemontese in materia di diritto di famiglia, avuto particolare riguardo all’assegno divorzile. In tale contesto, dopo aver illustrato le novità introdotte dalla Suprema Corte con la sentenza n. 11504/2017, l’autore si sofferma sulle recenti pronunce in materia.

Articoli Correlati: assegno divorzile

The position of Piedmontese jurisprudence on the subject of divorce allowance

The paper aims to analyze the position of Piedmontese jurisprudence on family law, with particular regard to the divorce allowance. Within this context, after having illustrated the innovations introduced by the Supreme Court with Sentence no. 11504/2017, the author analyzes in depth the recent rulings on the matter.

Keywords: family law – divorce allowance – case law

Il diritto di famiglia rappresenta uno dei settori dell’ordinamento in cui ha rilievo evidente la necessità dell’adeguamento dello ius ai mores, ovvero la necessità che il diritto si evolva e si adegui (ed abbia quindi una rispondenza) all’evoluzione sociale e al sentire collettivo.

La sentenza della I sezione civile della Cassazione n. 11504/2017 ha costituito una rivoluzione copernicana ed anche un po’ inaspettata nella placida giurisprudenza sull’assegno divorzile, fondata su una norma che aveva avuto l’ultima modifica nel 1987, e che si riportava anche piuttosto tralatiziamente alle sentenze gemelle a sezioni unite del 29 novembre 1990 (nn. 11490 e 11492); solo pochi mesi prima della sua pubblicazione, diversa Sezione della stessa Corte di Cassazione (ord. 29 settembre 2016, n. 19339) ribadiva che

L’accertamento del diritto all’assegno divorzile va effettuato verificando l’adeguatezza o meno dei mezzi del coniuge richiedente alla conservazione del tenore di vita precedente. A tal fine, il giudice del merito può tenere conto della situazione reddituale e patrimoniale della famiglia al momento della cessazione della convivenza, quale elemento induttivo da cui desumere, in via presuntiva, il precedente tenore di vita e può in particolare, in mancanza di [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio