crisi impresa

home / Archivio / Fascicolo / Le novità apportate dal Codice della crisi alla disciplina della responsabilità degli ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Le novità apportate dal Codice della crisi alla disciplina della responsabilità degli amministratori

Maurizio Irrera, Professore Ordinario di Diritto Commerciale presso l’Università degli Studi di Torino

L’intervento illustrata le novità introdotte dal Codice della crisi alla disciplina della responsabilità degli amministratori. In tale contesto, l’autore illustra le novità in materia di adeguatezza degli assetti, le sanzioni, i profili di responsabilità e la quantificazione del danno.

News from the crisis code to the regulation of directors’ liability

The paper illustrated the innovations introduced by the Crisis Code to the discipline of directors’liability. Within this context, the author illustrates the news regarding the adequacy of the structures, the sanctions, the liability profiles and the quantification of the damage.

Keywords: Crisis Code – liability – directors

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

Sommario:

1. Introduzione. La “singhiozzante” entrata in vigore del Codice della crisi e le norme relative alla responsabilità degli amministratori - 2. Le novità in materia di assetti - 2.2. L’intestazione dell’obbligo di istituzione degli assetti - 2.3. Violazione dell’obbligo di istituzione di assetti adeguati: sanzioni preventive… - 2.4. Segue. E profili di responsabilità degli amministratori - 3. Le precisazioni introdotte dal Codice della crisi in merito alla responsabilità degli amministratori di s.r.l. - 4. Quantificazione del danno - NOTE


1. Introduzione. La “singhiozzante” entrata in vigore del Codice della crisi e le norme relative alla responsabilità degli amministratori

Come noto, l’entrata in vigore del Codice della crisi è stata più volte rinviata, anche a seguito delle disposizioni emergenziali in materia di contenimento del rischio di contagio da Covid-19. La definitiva entrata in vigore della nuova disciplina concorsuale, che già era stata differita dal 15 agosto 2020 al 1° settembre 2021, è stata ulteriormente differita dall’art. 1, d.l. n. 118/2021, il quale ha stabilito che il Codice entri in vigore il 16 maggio 2022, con l’eccezione delle norme sulle procedure di allerta e composizione assistita della crisi (di cui al Titolo II della Parte Prima), che entreranno in vigore il 31 dicembre 2023. Peraltro, le novità introdotte dal Codice della crisi in materia di responsabilità degli amministratori non riguardano direttamente le nuove procedure concorsuali, ma rientrano in quel pacchetto di disposizioni modificative del codice civile di cui all’art. 389, comma 2, Cod. crisi, già entrate in vigore nel marzo 2019. Esse, pertanto, costituiscono un insieme di norme con il quale gli operatori e gli interpreti sono tenuti a confrontarsi (non in prospettiva, ma) su un piano concreto. Tre, in particolare, sono le novità più rilevanti che riguardano gli obblighi e – conseguentemente – le responsabilità dell’organo amministrativo: la prima riguarda la generalizzazione dell’obbligo, per l’imprenditore collettivo, di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Le novità in materia di assetti

2.1. L’obbligo di munirsi di assetti adeguati Le novità in materia di assetti sono contenute agli artt. 375 e 377, d.lgs. n. 14/2019 s.m.i. (Codice della crisi), che hanno inciso sulle responsabilità gestorie delle società, esplicitando l’obbligo di munirsi di assetti adeguati e ponendo tale onere in capo agli amministratori. In particolare, l’art. 375 Cod. crisi ha modificato l’art. 2086 c.c., modificandone la rubrica [1] ed aggiungendo il secondo comma, in forza del quale: «L’imprenditore, che operi in forma societaria o collettiva, ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale, nonché di attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale». Questa norma è collocata sistematicamente in un punto importante del codice civile, ossia il Capo I del Titolo II del Libro V, dedicato alla nozione di imprenditore, che al momento dell’emanazione del codice civile ha segnato storicamente la svolta e il passaggio dalla centralità del commerciante alla centralità dell’impresa in generale. Tuttavia, sino alla recente [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.2. L’intestazione dell’obbligo di istituzione degli assetti

L’art. 377, Cod. crisi, come modificato dal d.lgs. n. 147/2020 (Correttivo), si occupa di intestare in capo agli amministratori gli obblighi di istituzione degli assetti [5]. La norma, infatti, chiarisce ora in modo convincente che l’isti­tuzione degli assetti – da intendersi come cura e valutazione di adeguatezza dei medesimi – è in ogni caso di competenza esclusiva dell’organo amministrativo, ferme restando la responsabilità degli amministratori (o degli amministratori e dei soci, ciascuno secondo quanto di propria competenza, nelle società di persone e nelle s.r.l.) per il compimento delle operazioni necessarie per il perseguimento dell’oggetto sociale. Le ripartizioni delle competenze in relazione all’istituzione degli assetti (e alla vigilanza sugli stessi), peraltro, sono precisate ulteriormente nel codice civile: ai sensi dell’art. 2381, commi 3 e 5 e dell’art. 2403, comma 1, c.c. gli organi delegati «curano», il consiglio d’amministrazione «valuta» e il collegio sindacale «vigila» l’adeguatezza degli assetti. Anche alla luce di tali disposizioni, preesistenti all’emanazione del Codice della crisi, si riteneva comunemente che, pur non essendo (come ora) esplicitamente imposta dalla legge, la necessità di predisporre assetti adeguati discendesse comunque dall’obbligo generale di corretta amministrazione [6]. [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.3. Violazione dell’obbligo di istituzione di assetti adeguati: sanzioni preventive…

Se è certo che gli assetti di per sé hanno oggi una centralità assoluta nel sistema degli obblighi degli amministratori, discendendo peraltro direttamente dall’obbligo generale di corretta amministrazione, è altrettanto vero che non è così facile immaginare che ci sia un’immediata correlazione tra violazione degli obblighi concernenti gli assetti e responsabilità degli amministratori. Trattandosi, infatti, di un obbligo di carattere organizzativo, la sua violazione non necessariamente è suscettibile di cagionare alla società un danno risarcibile. Tuttavia, i soci non sono sprovvisti di tutela, giacché il mancato rispetto degli obblighi relativi agli assetti adeguati può costituire il presupposto di una serie di altri rimedi, che non sono i rimedi risarcitori dell’azione di responsabilità, ma operano più sul piano dei rapporti societari. E così, la violazione delle disposizioni in materia di assetti può condurre alla revoca per giusta causa degli amministratori (ove la violazione sia imputabile genericamente o specificamente – per mancata valutazione degli assetti – agli stessi) o per la revoca della delega all’organo delegato che sia venuto meno all’obbligo di curare gli assetti; alla convocazione dell’assemblea da parte del Collegio sindacale ex art. 2406 c.c., laddove l’omissione consista in «fatti censurabili [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.4. Segue. E profili di responsabilità degli amministratori

Laddove dalla violazione degli obblighi relativi agli assetti derivi un danno si apre la porta sugli scenari complessi della responsabilità degli organi sociali, da valutarsi attraverso il filtro dei noti principi posti dalla Business Judgment Rule. In sintesi, tale regola di giudizio prevede che, nel giudicare ex post l’eventuale responsabilità degli amministratori occorra avere riguardo soprattutto al processo decisionale; sicché, ove la scelta d’impresa sia stata assunta non in conflitto di interessi, in buona fede e sulla base di processo razionale, avvalendosi di tutte le informazioni disponibili non vi è responsabilità dei gestori dell’impresa, pur in presenza di conseguenze pregiudizievoli in capo alla società [7]. In giurisprudenza, la Business Judgment Rule è stata sostanzialmente trasfusa in quell’orientamento, ormai consolidato, secondo cui: «in tema di responsabilità dell’amministratore di una società di capitali per i danni cagionati alla società amministrata, l’insindacabilità nel merito delle sue scelte di gestione trova un limite nella valutazione di ragionevolezza delle stesse, da compiersi sia ex ante, secondo i parametri della diligenza del mandatario, […] sia tenendo conto della mancata adozione delle cautele, delle verifiche e delle informazioni preventive, normalmente richieste per una scelta di quel tipo e della diligenza [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Le precisazioni introdotte dal Codice della crisi in merito alla responsabilità degli amministratori di s.r.l.

In tale contesto legato all’accertamento della responsabilità degli amministratori – da valutarsi anche grazie al concreto funzionamento degli assetti – è intervenuto l’art. 378 Cod. crisi, il quale ha introdotto alcune significative novità in merito all’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori. Il primo comma è dedicato all’azione di responsabilità nelle s.r.l. e prevede un’integrazione dell’art. 2476 c.c., finalizzata a consentire, entro determinate condizioni, l’esercizio dell’azione di responsabilità da parte dei creditori sociali [10]: La norma copre una lacuna che si era aperta con la riforma del Diritto societario (d.lgs. n. 6/2003) la quale, volendo evitare che l’azione di responsabilità delle s.r.l. fosse regolata in forza di mero rinvio alla disciplina prevista per le S.p.A., aveva introdotto un’azione ad hoc, regolata dall’art. 2476 c.c., che tuttavia nulla disponeva in merito alla responsabilità degli amministratori nei confronti dei creditori. Nel silenzio normativo, si erano formati due orientamenti contrapposti: secondo il primo, l’assenza di specifiche disposizioni sarebbe stato indice della volontà legislativa di precludere l’azione di responsabilità dei creditori nell’ambito della s.r.l.; secondo altro orientamento, invece, l’art. 2394 c.c. sarebbe stato [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Quantificazione del danno

Sotto il profilo della quantificazione del danno, occorre prendere le mosse dal dato letterale dell’art. 378, comma 2, Cod. crisi. La norma dispone: «All’articolo 2486 del codice civile dopo il secondo comma è aggiunto il seguente: “Quando è accertata la responsabilità degli amministratori a norma del presente articolo, e salva la prova di un diverso ammontare, il danno risarcibile si presume pari alla differenza tra il patrimonio netto alla data in cui l’amministratore è cessato dalla carica o, in caso di apertura di una procedura concorsuale, alla data di apertura di tale procedura e il patrimonio netto determinato alla data in cui si è verificata una causa di scioglimento di cui all’articolo 2484, detratti i costi sostenuti e da sostenere, secondo un criterio di normalità, dopo il verificarsi della causa di scioglimento e fino al compimento della liquidazione. Se è stata aperta una procedura concorsuale e mancano le scritture contabili o se a causa dell’irregolarità delle stesse o per altre ragioni i netti patrimoniali non possono essere determinati, il danno è liquidato in misura pari alla differenza tra attivo e passivo accertati nella procedura”.». Prima dell’intervento del Codice della crisi, la norma si limitava a prescrivere: i) che al verificarsi di una causa di scioglimento e sino alla nomina dei liquidatori, gli amministratori mantengano il [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio