newsletter

home / Archivio / Fascicolo / La conformità ambientale 'ex ante' e la correlativa valutazione 'ex post'

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


La conformità ambientale 'ex ante' e la correlativa valutazione 'ex post'

Paolo Rossi Odello

Articoli Correlati: ambiente

Negli ultimi anni si sta prendendo consapevolezza che, quando tra gli elementi probatori sono presenti delle misure scientifiche – quali ad esempio le attività di campionamento ed analisi in campo ambientale – l’accertamento del legame eziologico tra un evento ed una conseguenza, più che non un nesso di causa effetto, dovrebbe essere definito come un nesso di causa probabile (probabilità logico-scientifica).

Detta causa probabile, nel tentativo di ancorare il nesso eziologico a valutazioni il più certe possibile, lega strettamente l’accertamento del nesso di causa a coefficienti scientifici di “incertezza”, di “probabilità” e di “statistica”.

La teoria della causalità logico-scientifica è fondata sulla opportunità di accertare la sussistenza del nesso eziologico tra condotta ed evento verificatosi in concreto, “hic et nunc”, sulla base di leggi scientifiche che permettano al processo di eliminazione mentale degli antecedenti, di operare correttamente.

Ricorrendo alla migliore prova scientifica oggettivamente esistente in un dato periodo storico, e considerando tutte le circostanze conosciute o conoscibili anche ex post, non si fa più alcun riferimento alle eventuali conoscenze del soggetto [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio