cantone

home / Archivio / Fascicolo / La tutela processuale del brevetto

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


La tutela processuale del brevetto

Silvia Vitrò, Presidente del Tribunale delle Imprese di Torino – Sezione proprietà industriale.

Nel presente intervento, l’autore, dopo aver fornito alcuni interessanti chiarimenti in ordine alla decorrenza dell’efficacia del brevetto e alla possibilità di rettificare o integrare il suo contenuto – con cenni agli istituti della predivulgazione e della limitazione del brevetto –, descrive le azioni giudiziarie attivabili, a tutela del brevetto, in pendenza della procedura amministrativa di concessione. L’autore affronta, pertanto, il tema della giurisdizione e della competenza, fornendo un’interessante descrizione delle c.d. inibitorie cross-border. Seguono un’analisi delle principali questioni processuali – quali l’interesse e la legittimazione ad agire, l’efficacia delle sentenze di nullità o decadenza e l’onere della prova – e una descrizione della fase istruttoria, con cenno, tra l’altro, alle c.d. discovery probatoria, discovery repressiva e discovery su scala commerciale, nonché al diritto di informazione ex art. 121-bis del Codice della Proprietà Industriale. Infine, attenzione viene dedicata alle misure correttive e sanzioni civili in caso di accertamento della violazione di un diritto di proprietà intellettuale, nonché cautelari.

PAROLE CHIAVE: azione giudiziaria - istruttoria - sanzioni civili - misure cautelari

In this speech, after providing some interesting clarifications regarding the effective date of the patent and the possibility of rectifying or integrating its content – with mention to the institutes of the pre-disclosure and the limitation of the patent – the author describes the legal actions that can be activated – to protect the patent – pending the administrative concession procedure. The author therefore explains the issue of jurisdiction and jurisdiction, providing an interesting description of the so-called cross-border inhibitors. An analysis of the main procedural issues – such as the interest and legitimacy to act, the effectiveness of the sentences of nullity or forfeiture and the burden of proof – and a description of the preliminary phase in the context of the judicial proceeding follow, with mention, among other things, to the so-called probative discovery, repressive discovery and commercial-scale discovery, as well as the right to information pursuant to article 121-bis of the Industrial Property Code. Finally, attention is paid to corrective measures and civil sanctions in case of ascertainment of the violation of an intellectual property right, as well as precautionary measures.

Keywords: judicial action – preliminary investigation – civil sanctions and precautionary measures.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

Sommario:

1. Rapporto tra procedure amministrative e procedimenti giudiziari - 2. Da quando ha effetto un brevetto - 3. La tutela processuale del brevetto - 3.1. La tutela processuale in pendenza della procedura amministrativa - 3.2. Giurisdizione e competenza - 3.3. Il processo in materia di brevetti - NOTE


1. Rapporto tra procedure amministrative e procedimenti giudiziari

L’art. 117 c.p.i. stabilisce che la brevettazione non pregiudica l’esercizio delle azioni circa la validità e l’appartenenza dei diritti di proprietà industriale. L’avvenuta concessione di un titolo di proprietà industriale non implica dunque che tale titolo sia valido o che esso appartenga al soggetto al quale sia stato concesso. È quindi possibile promuovere azioni giudiziarie per ottenere la dichiarazione di nullità dei titoli in questione o il loro trasferimento a favore dell’ef­fettivo avente diritto. La procedura amministrativa e quella giudiziaria sono dunque autonome tra loro, avendo presupposti e effetti diversi. In particolare, le procedure amministrative si basano su di una delibazione solo sommaria o parziale delle cause di invalidità e non possono pertanto spie­gare efficacia di giudicato. Inoltre, l’autorità amministrativa conosce del diritto soggettivo del richiedente ad ottenere la concessione del titolo, mentre l’autorità giudiziaria si pronuncia sull’esistenza dei diritti di esclusiva nascenti dalla concessione del titolo. La Corte costituzionale ha espressamente stabilito che la valutazione demandata all’autorità amministrativa è puramente estrinseca e quindi inidonea a pregiudicare l’esercizio delle azioni di nullità e appartenenza (Corte Cost. 29 luglio 2005, n. 345). Per quanto riguarda la procedura [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Da quando ha effetto un brevetto

Sebbene il diritto esclusivo di utilizzare l’invenzione e di trarne profitto nasca con il rilascio del brevetto, già con la pubblicazione della domanda il richiedente gode della tutela accordata al brevetto concesso. Infatti, ai sensi dell’art. 53, comma 2, c.p.i., gli effetti del brevetto decorrono dalla data in cui la domanda, con la descrizione, le rivendicazioni e gli eventuali disegni, è resa accessibile al pubblico (cioè dalla pubblicazione che avviene decorsi 18 mesi dalla data di deposito). In tal senso: «Art. 53 c.p.i. (Effetti della brevettazione) 1. I diritti esclusivi considerati da questo codice sono conferiti con la concessione del brevetto. 2. Gli effetti del brevetto decorrono dalla data in cui la domanda con la descrizione, le rivendicazioni e gli eventuali disegni è resa accessibile al pubblico. 3. Decorso il termine di diciotto mesi dalla data di deposito della domanda oppure dalla data di priorità, ovvero dopo novanta giorni dalla data di deposito della domanda se il richiedente ha dichiarato nella domanda stessa di volerla rendere immediatamente accessibile al pubblico, l’Ufficio italiano brevetti e marchi pone a disposizione del pubblico la domanda con gli allegati. 4. Nei confronti delle persone alle quali la domanda con la descrizione, le rivendicazioni (1) e gli eventuali disegni è stata notificata a cura del richiedente, gli effetti del brevetto per invenzione industriale [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. La tutela processuale del brevetto

Le azioni a tutela del brevetto sono: – azioni di cognizione: – azioni di accertamento positivo o negativo circa la validità o meno del titolo o la sua decadenza, le azioni di paternità e rivendica dei diritti morali e di sfruttamento economico del titolo, le azioni di accertamento positivo o negativo della contraffazione del titolo; – azioni di condanna alla cessazione della contraffazione e al risarcimento dei danni; – azioni costitutive: con le quali si chiede la pronuncia di mutamenti giuridici, come la conversione del brevetto nullo ex art. 76, comma 3, c.p.i.; – azioni cautelari: si tratta di azioni tipiche, nel senso che sono disciplinate in maniera espressa e speciale dal c.p.i. (inibitoria, sequestro, descrizione, ecc.); si può però ricorrere anche alla tutela ex art. 700 c.p.c., se le misure speciali non sono sufficienti a tutelare certi interessi; – azioni esecutive: mezzi di esecuzione forzata previsti dal c.p.c. (esecuzione forzata mobiliare o immobiliare, per recuperare somme, esecuzione forzata mediante consegna o rilascio laddove vi sia l’assegnazione in proprietà di beni contraffattori, l’esecuzione forzata di obblighi di fare o non fare).

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.1. La tutela processuale in pendenza della procedura amministrativa

L’art. 120, comma 1, c.p.i. consente di avviare un’azione giudiziaria sulla base di un titolo per il quale sia in corso la procedura di concessione. Analoga previsione è contenuta nell’art. 132 c.p.i. per i procedimenti cautelari. «Art. 120 (Giurisdizione e competenza) 1. Le azioni in materia di proprietà industriale i cui titoli sono concessi o in corso di concessione si propongono dinanzi l’autorità giudiziaria dello Stato, qualunque sia la cittadinanza, il domicilio e la residenza delle parti. Se l’azione di nullità è proposta quando il titolo non è stato ancora concesso, la sentenza può essere pronunciata solo dopo che l’Ufficio italiano brevetti e marchi ha provveduto sulla domanda di concessione, esaminandola con precedenza rispetto a domande presentate in data anteriore. Il giudice, tenuto conto delle circostanze, dispone la sospensione del processo, per una o più volte, fissando con il medesimo provvedimento l’udienza in cui il processo deve proseguire».   «Art. 132: Anticipazione tutela cautelare 1) I provvedimenti di cui agli artt. 126, 128, 129, 131 e 133 possono essere concessi anche in corso di brevettazione o di registrazione, purché la domanda sia stata resa accessibile al pubblico oppure nei confronti delle persone a cui la domanda sia stata notificata». La possibilità di iniziare una causa di nullità o [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.2. Giurisdizione e competenza

Giurisdizione Le cause in materia di brevetti presentano spesso elementi di collegamento con ordinamenti stranieri. Può infatti avvenire che la violazione di un diritto registrato in Italia venga posta in essere da un soggetto straniero o che un soggetto italiano violi diritti aventi efficacia all’estero. L’art. 120, comma 1, c.p.i. attribuisce alla competenza del giudice italiano tutte le controversie in materia di proprietà industriale i cui titoli sono concessi o in corso di concessione, indipendentemente dalla cittadinanza, domicilio o residenza delle parti. Tale norma deve coordinarsi con le altre fonti normative e pattizie, tra cui il Reg. UE 1215/2012, concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale (e che ha sostituito il Reg. CE n. 44/2001), che fa riferimento: – al criterio generale di attribuzione della giurisdizione: quello del domicilio del convenuto (art. 4 Reg. 1215); – alla proroga di giurisdizione (espressa, per effetto di accordo scritto tra le parti, o tacita, quando il convenuto non eccepisce la carenza di giurisdizione); – alla connessione tra cause; – al criterio esclusivo in materia di registrazione e validità dei titoli di proprietà industriale soggetti a deposito o registrazione: la giurisdizione spetta ai giudici dello Stato nel cui territorio il deposito o la registrazione sono [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3.3. Il processo in materia di brevetti

a) Questioni processuali varie: – interesse ad agire: per le azioni di nullità/decadenza: da parte di chiunque vi abbia interesse – art. 122 c.p.i. – (per es. si ritiene non siano interessate al­l’accertamento della nullità della frazione italiana del brevetto europeo e al­l’accertamento negativo della sua contraffazione le imprese straniere che non commercializzano il prodotto in Italia; si per le imprese che operino in un settore affine e intendano estendere l’attività a quello del brevetto); – le sentenze di nullità/decadenza hanno efficacia erga omnes (art. 123 c.p.i.); – la legittimazione ad agire per contraffazione spetta anche al licenziatario esclusivo, anche in assenza di espressa autorizzazione da parte del titolare del brevetto (così la giurisprudenza); il licenziatario non esclusivo potrebbe invece solo promuovere azione di concorrenza sleale (o azione di contraffazione se vi è consenso del titolare); v. art. 122-bis c.p.i., introdotto dal d.lgs. n. 15/2019 per il marchio; – onere della prova: art. 121 c.p.i.: l’onere di provare la nullità di un brevetto incombe su chi contesta il titolo (presunzione di validità del titolo, superabile con la prova contraria; per i brevetti europei, assoggettati ad esame preventivo, la presunzione è più forte, idonea a fondare al concessione di un provvedimento cautelare); [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social