formulario DPO

home / Archivio / Fascicolo / La disciplina sanzionatoria

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


La disciplina sanzionatoria

Toti S. Musumeci,  Professore Associato di Diritto Pubblico presso l’Università degli Studi di Torino

L’intervento mira ad illustrare il fenomeno del Fintech e la disciplina sanzionatoria. In tale prospettiva di analisi, l’autore affronta la questione soffermandosi sulla competenza dell’autorità, nonché sulla normativa di riferimento. La trattazione termina con l’analisi dei principi cardine della disciplina.

PAROLE CHIAVE: Fintech - disciplina sanzionatoria - Consob - Banca d’Italia - garante privacy

The sanctioning discipline

The intervention aims to illustrate the Fintech phenomenon and the sanctioning discipline. In this perspective of analysis, the author addresses the issue by focusing on the competence of the authority, as well as on the relevant legislation framework. The dissertation ends with an analysis of the key principles of the discipline.

Keywords: Fintech – sanctions – Consob – Bank of Italy – Italian Data Protection Authority

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

Sommario:

1. Una breve introduzione - 2. La competenza delle autorità - 3. La disciplina sanzionatoria - NOTE


1. Una breve introduzione

La parola FinTech è la crasi di due termini e costituisce un neologismo di per sé semplicissimo: tecnologia e finanza (Financial-Technology). È un neologismo che di fatto riesce a mettere in imbarazzo coloro che direttamente operano nel settore, vista la novità, la rapidità di cambiamento, ma anche le difficoltà tecnologiche che contraddistinguono il fenomeno. Tali peculiari caratteristiche devono essere tenute in debito conto dai giuristi (interpreti o giudici), ma prima ancora dai regolatori nazionali, europei, internazionali, i quali si trovano a dover comprendere e inseguire l’evoluzione tecnologica e l’inno­vazione imprenditoriale dei tanti players esistenti sul mercato. Non più solamente i tradizionali incumbents, ma i moltissimi operatori che si affacciano con rapidità inconsueta nei settori finanziari, e non solo. I tradizionali incumbents, che operano nel loro territorio e cercano di mantenere una posizione stabile e autorevole di mercato già conquistata, attraverso la fidelizzazione del cliente, vengono affiancati da operatori in grado di aggredire con una certa facilità e semplicità l’operatività degli incumbents, anche grazie alla possibilità di utilizzare tecnologie poco costose e innovative, così andando a contrastare, a sovrapporsi e a erodere il mercato dove gli incumbents potevano pensare di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. La competenza delle autorità

Quanto al tema della disciplina sanzionatoria, a differenza della legislazione attiva (e cioè del “fare le regole”), allo stato attuale non si prevedono novità particolari, nel senso che il sistema sanzionatorio che sarà applicato ai modelli di business innovativi sarà probabilmente quello già oggi esistente. È, invece, prevedibile che categorie ulteriori di comportamenti vengano sottoposti a vigilanza da parte delle autorità indipendenti, potendo portare a una contestazione e all’applicazione eventuale di una sanzione. In ogni caso, non si può escludere che un domani le autorità regolatorie riterranno necessarie non soltanto nuove norme sotto il profilo sostanziale, ma anche nuove norme sotto il profilo della disciplina sanzionatoria, e quindi anche nuove sanzioni di tipo diverso, oltre quelle attualmente esistenti. I comportamenti sottoposti alla vigilanza dalle Autorità sono, come detto, molteplici e coinvolgono quanto meno Consob, Banca d’Italia, AGCM e Garante della Privacy, a volte anche sulla stessa contestazione in concorso tra loro. Ad esempio, i pagamenti elettronici sono sicuramente di competenza di Banca d’Italia, ma anche di competenza dell’Antitrust perché quest’ultima autorità, vigilando sulla tutela del consumatore, ha competenza anche sul rispetto della normativa in tema di servizi di prelievo contante tramite sportelli automatici. [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. La disciplina sanzionatoria

La disciplina sanzionatoria è contenuta nella normativa di riferimento applicabile a ciascuna autorità: in via prevalente l’art. 145 del TUB e l’art. 195 del TUF per Banca d’Italia, l’art. 187-septies e l’art. e 195 del TUF per Consob, la legge n. 287/1990 e l’art. 27 del Codice del consumo con riferimento all’AGCM e ciascuna applica il regolamento adottato per i rispettivi procedimenti sanzionatori [24]. Vi sono alcuni principi cardine della disciplina sanzionatoria che devono essere osservati dalle autorità. In primo luogo, il principio del contraddittorio tra le parti, che si collega strettamente con il principio della parità delle armi. Inoltre, il principio della conoscenza degli atti istruttori e il diritto di accesso agli atti contenuti nel fascicolo del procedimento sanzionatorio. Infine, il principio dell’obbligo della verbalizzazione. C’è poi un altro aspetto sul quale si è sviluppato un annoso dibattito, soprattutto a livello teorico, che è quello della distinzione fra le funzioni istruttorie e le funzioni decisorie nell’ambito dell’autorità. Ciascuna autorità ha al proprio interno una divisione competente per la fase istruttoria (ad esempio, il servizio RIV in Banca d’Italia e la divisione USA in Consob), che formula le proprie valutazioni e l’eventuale proposta sanzionatoria all’organo decisorio della [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio