home / Archivio / Fascicolo / L'utilizzo dell'intestazione fiduciaria nella pratica professionale

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


L'utilizzo dell'intestazione fiduciaria nella pratica professionale

Pietro Villa

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

Sommario:

1. Inquadramento generale - 2. L'istituto dell’intestazione fiduciaria e l’attività svolta dalla fiduciaria: cenni - 3. Il mandato fiduciario e la lettura dell'Agenzia delle Entrate - 4. Tra fiducia "germanistica" e fiducia "romanistica": spunti di riflessione in ambito tributario - 5. La segretezza e la trasparenza: punti di attenzione per l'utilizzo del­l'intestazione fiduciaria - 6. Conclusioni - NOTE


1. Inquadramento generale

Il tema della “gestione (rectius tutela) del patrimonio” – nel più ampio significato e sotto i diversi profili – interessa con maggior frequenza la pratica professionale del consulente (anche) tributario il quale sempre più spesso viene coinvolto nei processi di riorganizzazione e di protezione del patrimonio familiare. Tale fenomeno trova ragione: 1. nella maggiore complessità dell’andamento dell’economia e nella conseguente percezione del crescente rischio che il patrimonio familiare possa esserne compromesso e quindi in una maggiore attenzione da parte delle famiglie alla gestione del patrimonio familiare stesso; 2. nella sempre più dinamica articolazione dei rapporti familiari che comporta l’esigenza di ricercare soluzioni giuridiche tecnicamente solide. L’analisi del professionista dovrà tenere conto non solo del rischio dal quale ci si vuole tutelare ma anche – e in particolare – di quale sia la finalità che il Cliente vuole perseguire. Proprio il manifestarsi dei due differenti aspetti di cui sopra, il primo esogeno alla famiglia e il secondo “interno” alla stessa, ha indotto i professionisti ad individuare nel tempo alcuni istituti e strumenti (per esempio: patto di famiglia; holding di famiglia; fondo patrimoniale; trust), tra quelli messi a disposizione del legislatore, per la pianificazione della gestione dei patrimoni familiari in [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. L'istituto dell’intestazione fiduciaria e l’attività svolta dalla fiduciaria: cenni

Occorre, innanzitutto, sottolineare che l’istituto dell’intestazione fiduciaria, da un punto di vista civilistico, si qualifica come uno strumento di tutela patrimoniale c.d. indiretta, in quanto la protezione che ne deriva scaturisce più dal “vincolo di riservatezza”, che permea l’effettivo proprietario di un bene, che non dall’apposizione – sotto il profilo giuridico – di un vero e proprio “vincolo” sul bene in questione. Inoltre, occorre tenere in considerazione il fatto che utilizzando il termine “fiduciaria” – qui di interesse – generalmente ci si riferisce ad una società costituita ai sensi della legge n. 1966/1939 [1] che ha trovato successiva declinazione per il tramite del D.M. del 16 gennaio 1995 [2]. La norma primaria risalente al 1939 e il successivo decreto ministeriale appena richiamato sono ancora oggi punto di riferimento nella disciplina delle società fiduciarie, in particolare di quelle di natura bancaria. In tal senso, fondamentale distinzione attiene all’individuazione dell’atti­vità svolta da una fiduciaria costituita ai sensi della legge n. 1966/1939 rispetto invece ai “fiduciari” operanti in forza di un generico mandato fiduciario (casistica volutamente qui non trattata). Senza pretesa di esaustività, si segnala – con riferimento alle società fiduciarie costituite ai sensi e [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Il mandato fiduciario e la lettura dell'Agenzia delle Entrate

Delineata l’attività di base, come sintetizzata al punto 2, per le società fiduciarie che operano nell’ambito della predetta legge n. 1966/1939 lo strumento giuridico prevalentemente utilizzato per svolgere l’attività di “amministrazione di beni per conto terzi” è quello del mandato fiduciario [6]. Il mandato fiduciario è un negozio atipico mediante il quale un soggetto (“fiduciante”) trasferisce ad un altro soggetto (“fiduciario”) un diritto o la mera legittimazione al relativo esercizio del diritto, sulla base di un accordo (pactum fiduciae) che vincola le parti, stabilendo modalità, tempi e condizioni di esercizio del diritto e fissando lo scopo che con il negozio si vuole perseguire [7]. Proseguendo nell’attuale configurazione del mandato fiduciario – o meglio nella sua scarsa configurazione, vista la mancanza di un riferimento normativo – occorre considerare che l’Agenzia delle Entrate si è dedicata all’analisi dell’i­sti­tuto in questione con due diverse Circolari [8]. L’Amministrazione finanziaria ha, infatti, indicato come, in conseguenza della reintroduzione delle imposte di successione e donazione [9], non si possa prescindere dai cc.dd. “vincoli di destinazione” nella valutazione dei possibili conseguenti impatti tributari. Proprio il mandato fiduciario – nella [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Tra fiducia "germanistica" e fiducia "romanistica": spunti di riflessione in ambito tributario

Di particolare interesse, per offrire un quadro completo della visione del­l’Amministrazione finanziaria al riguardo della nostra fattispecie, appare la seconda Circolare emessa dall’Agenzia delle Entrate (cfr. la richiamata Circolare, n. 28/E del 27 marzo 2008). In questo documento di prassi, l’Amministrazione si è concentrata sulla descrizione dell’istituto della “fiducia” nelle sue diverse configurazioni cc.dd. (i) “germanistica” e (ii) “romanistica”. La prima accezione di fiducia, a cui si è riferito il legislatore all’art. 1 della legge n. 1966/1939, conduce ad una mera separazione formale tra la proprietà del bene di riferimento, in capo al fiduciante, e la gestione e amministrazione del bene stesso, in capo al fiduciario ove la regolazione dei rapporti tra questi due soggetti è rimessa al patto di fiducia (cfr. supra). Come osservato dall’Agenzia delle Entrate, la fiducia “germanistica” trova applicazione, secondo le ricostruzioni della dottrina maggioritaria, nei casi di gestione di attività finanziarie (i.e. intestazione fiduciaria di azioni e quote di partecipazione), e non anche nei casi di intestazioni immobiliari. Infatti, nella configurazione dell’intestazione fiduciaria degli immobili assumono un ruolo preminente le formalità e le regole che concernono gli adempimenti pubblicitari connessi al trasferimento di beni [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. La segretezza e la trasparenza: punti di attenzione per l'utilizzo del­l'intestazione fiduciaria

Per quanto di interesse, prescindendo dagli aspetti tributari sopra indicati, esistono due ulteriori punti di attenzione che occorre esaminare nell’approc­ciare l’intestazione fiduciaria per meglio comprenderne l’essenza e l’applica­zione (anche pratica). La segretezza Occorre sottolineare come l’effettiva tutela offerta dallo strumento fiduciario risieda non in azioni a carattere reale, ma nella garanzia di riservatezza circa la titolarità del diritto di proprietà. Trattasi di una garanza non espressamente prevista legge n. 1966/1939, né dal R.D. n. 531/1940 [10], tuttavia, tutta l’attività svolta dal soggetto fiduciario dev’essere improntata alla massima segretezza e riservatezza. La mancanza di questa garanzia renderebbe vano e superfluo il ricorso allo strumento dell’intestazione fiduciaria e, infatti, l’op­ponibilità del segreto nei confronti di terzi è il cardine (rectius uno dei cardini) degli impegni assunti dal mandatario. Si annota, tuttavia, che il suddetto obbligo di segretezza subisce talune limitazioni: (i) quando il fiduciante, effettivo proprietario, comunica la sua posizione (diritto che può essere concretizzato) oppure (ii) quando la legge impone il superamento del mandato fiduciario (a titolo esemplificativo: norme che riguardano il bilancio d’esercizio delle società, norme tributarie e norme [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


6. Conclusioni

Nell’ultimo decennio si è assistito, nel mondo professionale, ad un progressivo mutamento dell’approccio alla società fiduciaria che opera nell’ambito della legge n. 1966/1939 (i.e. amministrazione di beni per conto terzi) superando il pregiudizio che la vedeva come “mero contenitore” di capitali di “dubbia provenienza”. L’attività di interesse si è allargata per rispondere alle più svariate esigenze, fino a ricomprendere, tra l’altro, a titolo esemplificativo: (i) la riservatezza in merito alla effettiva proprietà di beni (quali, ad esempio, partecipazioni sociali), (ii) il coordinamento di partecipazioni in società differenti detenute dal medesimo soggetto, (iii) una maggiore garanzia nell’attuazione di patti parasociali e (iv) la sostituzione di imposta per talune intestazioni di beni e patrimoni.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social