home / Archivio / Fascicolo / Alcune riflessioni sul piano attestato di risanamento

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Alcune riflessioni sul piano attestato di risanamento

Daniele Gasbarro

PAROLE CHIAVE: attestato di risanamento

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

Sommario:

1. Introduzione - 2. Lineamenti e presupposti dell’istituto - 3. Atto negoziale o unilaterale? - 4. Natura privatistica e azioni revocatorie - 5. L’ambito applicativo: le possibili cause della crisi finanziaria del­l’impresa - 6. La diagnosi della crisi finanziaria - 7. Gli interventi risanatori - 8. L’attestazione (condizionata) - 9. Conclusioni - Bibliografia - NOTE


1. Introduzione

La crisi economica originatasi negli Stati Uniti d’America nel 2008 e propagatasi a livello mondiale presenta quali caratteristichefondamentali la preponderanza della variabile finanziaria e la netta svalutazione di quella reale, sicché si è assistito ad una radicale riformulazione della funzione di produzione originariamente rappresentata nei Manuali economici. La generazione e la proliferazione incontrollata di talune tipologie di strumenti finanziari hanno cagionato l’esplosione di rischi non sempre controllabili e stimabili ex ante, la cui rapidità di diffusione e pervasività anche in settori apparentemente distanti da quello strettamente finanziario hanno investito conaccentuata virulenza anche l’economia europea in genere e quella mediterranea (tra cui l’Italia) in i­pecie. Il sistema economico-industriale domestico è notoriamente costituito da imprese non finanziarie di modeste dimensioni, concentrate nell’area centro-settentrionale del Paese: ciò non è bastevole per immunizzarsi dalle insidie dei rischi e delle perdite di origine finanziaria, a motivo della strettissima ed inscindibile connessione degli aspetti economici e monetari della gestione come una [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Lineamenti e presupposti dell’istituto

L’istituto del piano attestato di risanamento è stato introdotto nella novellata legge fall. con il d.l. 14 marzo 2004, n. 35 convertito con modificazioni nella legge 14 maggio 2005, n. 80 potendosi collocare nell’ambito delle soluzioni stragiudiziali di gestione della crisi d’impresa tracciando un solco nel diritto concorsuale, seguito anche dalla riforma postuma del 2012, in cui si staglia nitidamente il favor riconosciuto alla prosecuzione dell’attività d’impresa in luogo della dissoluzione del complesso aziendale. Più prosaicamente può scorgersi nella summenzionata legge anche il fine di non investire l’Autorità giudiziaria di crisi aziendali (o presunte tali) di peculiare tenuità, conferendo all’auto­nomia privata un margine di manovra evidentemente più ampio e pregnante rispetto alla disciplina previgente. L’omessa delimitazione dello spazio di operatività del piano attestato di risanamento induce a ritenere che possa essere attuato non solo nell’ambito di tensioni economico-finanziarie agli albori, ma anche estese in uno stadio più avanzato la cui linea di confine è la ricuperabilità dell’organismo [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Atto negoziale o unilaterale?

Il piano attestato di risanamento è meritevole di approfondimento anche sotto il profilo formale, essendo tema tutt’altro che degradabile adorpello o fronzolo accademico scevro di rilievo operativo; il silenzio normativo richiede evidentemente uno sforzo interpretativo senz’altro non banale. L’art. 67, com­ma 3, lett. d) è incardinato sulla predisposizione del piano e sulla conseguente attestazione, trascurando completamente la definizione (eventuale) della fase preliminare relativa alla delineazione dell’accordo tra il debitore proponente ed i creditoricoinvolti nell’accordo stesso. L’indeterminatezza normativa, pertanto, ben potrebbe ingenerare il dubbio che l’individuazione e l’im­plemen­ta­zi­ne degli interventi risanatori possano prescindere dall’accordo con i creditori involti, appalesandosi quindi quale atto unilaterale dell’imprenditore anche alla luce dell’etimologia del termine piano. Taluni perorano la tesi del­l’uni­la­teralità del piano aggrappandosi proprio alla natura etimologica del termine: ove il Legislatore avesse voluto imporre un accordo tra il proponente ed i creditori, avrebbe [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Natura privatistica e azioni revocatorie

Un aspetto apicale della trattazione è costituito dalla chiarificazione della natura privatistica dell’istituto del piano di risanamento attestato, che si colloca esternamente all’ambito perimetrale delle procedure concorsuali sulla scorta dello schema argomentativo testé delineato: (i) non si ravvisa nella disciplina di riferimento un provvedimento giudiziale di apertura e di un apparato organizzativo articolantesi verticisticamente;(ii) il principio ordinatorio nelle procedure concorsuali della par condicio creditorum, seppur depotenziato dall’ampliamento dell’area dei crediti prededucibili, è pacificamente estraneo all’istituto in esame; (iii) gli effetti scaturienti dall’esecuzione del piano attestato di risanamento investono solo ed esclusivamente i creditori aderenti alla proposta del debitore [9]. Sul punto giunge in soccorso anche il dettato normativo di cui al comma 1 dell’art. 1372 c.c. in base al quale «il contratto ha forza di legge tra le parti» che non lascia spazio alcuno a dubbi di sorta: glieffetti giuridici promananti dall’implementazione del piano di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. L’ambito applicativo: le possibili cause della crisi finanziaria del­l’impresa

La genesi della crisi d’impresa presenta caratteristiche multifattoriali che sovente investono tutti gli aspetti della gestione aziendale; in questa sede si cercherà di scrutare da diverse prospettive di osservazione le motivazioni della c.d. crisi finanziaria la cui rimozione avvienetramite il piano di risanamento attestato che costituisce, per l’appunto, uno degli strumenti elettivi a disposizione del management. La tipologia di crisi in esame si estrinseca nell’incapacità dell’impresa di generare un flusso finanziario positivo almeno pari alle corrispondenti uscite monetarie, con riferimento ad un certo orizzonte temporale la cui durata canonicamente corrisponde al periodo amministrativo. La condizione ivi enunciata tuttavia costituisce soltanto la manifestazione terminale di cause e disfunzioni latenti cheaggrediscono ed alterano i paradigmi degli equilibri aziendali, la cui fonte può individuarsi anche in fattori apparentemente [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


6. La diagnosi della crisi finanziaria

Il processo diagnostico della crisi d’impresa si avvale di strumenti indagatori tipici della scienza economico-aziendale precipuamente dinatura quantitativa, che perseguono l’obiettivo di indagare la sussistenza dell’equilibrio a­ziendale sotto il profilo della liquidità, della redditività e della solidità patrimoniale. La metodologia elettiva, ancorché non esclusiva di investigazione, è da ricondurre alla nota tecnica degli indici di bilancio calcolati tramite il rapporto tra determinate grandezze omogenee onde pervenire a risultati dotati di un certo grado di significatività ed attendibilità. L’ampiezza concettuale, la difficoltà intrinseca e l’insidia interpretativa che si annidano nella tecnica in parolapostulano una trattazione profonda, minuziosa e sistematica che, per ovvie ragioni di spazio, non può essere affrontata in questa sede. L’obiettivo pertanto può individuarsi nell’esplicazione di taluni highlights utili per cercare di diradare la coltre di nebbia che ammanta l’impiego di tecniche generalmente estranee ed ignote al corredo culturale e professionale degli operatori del diritto. Sul punto, tuttavia, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


7. Gli interventi risanatori

Il contenuto del piano attestato di risanamento sfugge a qualsiasi tentativo temerario di tipizzazione – essendo il legislatore ben conscio dellaproblematicità dell’incasellare qualsivoglia intervento risanatore nell’ambito di schemi rigidi a motivo della poliedricità delle azioni da implementare – limitandosi a delineare l’obiettivo fondamentale consentendo, pertanto, all’interprete di disporre di un’ampia autonomia inpunto di declinazione operativa degli interventi correttivi delle patologie aziendali. Prima di addentrarsi nell’esplicazione degli interventi operativi, è opportuno chiarire taluni aspetti della base informativa aziendale, di natura contabile, quali fondamenta sulle quali erigere la struttura che ci si accinge a delineare: il piano non potrebbe essere presentato tramite un bilancio di liquidazione od un bilancio straordinario, perché si porrebbe in palese contrasto con il fine precipuo perseguito relativo, per l’appunto, alla preservazione della continuità a­ziendale. Si ritiene, pertanto, a rigor di logica, che il sostrato sia da individuarsi in una situazione [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


8. L’attestazione (condizionata)

In questa sede si cercherà di chiarire il tema della c.d. attestazione condizionata, non prima però di aver delineato i tratti basilari della relazione in parola con un saldo ancoraggio al dato normativo di riferimento. L’attestazione del piano attestato di risanamento ex art. 67, comma 3, lett. d), legge fall., deve essere eseguita da un professionista inpossesso dei requisiti professionali e di indipedenza, a cagione della delicatezza dell’incarico sia con riferimento agl’interessi del ceto creditorio che sotto il profilo della responsabilità penale di cui all’art. 236-bis legge fall.: i riferimenti normativi precipui riposano, rispettivamente, nelle norme di cui all’art. 2399 c.c. e al­l’art. 28 legge fall. [52]. In punto di delineazione del contenuto dell’attesta­zione, in questa sede basti rammentare come il professionista incaricato debba accertare la veridicità dei dati aziendali e formulare un giudizioprognostico sull’at­tuabilità delle ipotesi prospettate ex ante. In tema di ricognizione dei dati aziendali v’è da fare una precisazione: la vaghezza della norma di cui all’art. 67, comma 3, lett. d), legge fall. costringe l’interprete a [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


9. Conclusioni

Il piano di risanamento attestato ex art. 67, comma 3, lett. d), legge fall. è evidentemente un istituto normativo particolarmente agile e duttile nel fronteggiamento e nella risoluzione di crisi aziendali di particolare tenuità, la cui genesi può essere pacificamente rinvenuta in tensioni finanziarie di breve periodo a cagione della discrasia temporale tra i flussi finanziari attivi e passivi. L’amplissima autonomianegoziale riconosciuta al debitore proponente è sen­z’altro un aspetto decisamente positivo: la gestione della crisi d’impresa seppur agli albori è rimessa alla negoziazione tra le parti involte, sì da poter ricercare la soluzione più idonea alla tutela del going concern – elemento caratterizzante la c.d. stagione delle riforme che ha investito il diritto della crisi d’im­presa da oltre due lustri – secondo tempi più compressirispetto alle alternative concorsuali ed in base a modalità in grado di assicurare al ceto creditorio una migliore tutela patrimoniale. L’ampio spazio perimetrale all’interno del quale ricercare una soluzione negoziata della crisi comprende senz’altro [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Bibliografia

AIELLO Marco, AMBROSINI Stefano, I Piani attestati di risanamento: questioni inter­pretative e profili applicativi, in Crisi d’Impresa e Fallimento, 11 giugno 2014. AIELLO Marco, Il nuovo accordo di ristrutturazione dei debiti bancari vs concordato preventivo, in Fallimento, soluzioni negoziate della crisi e disciplinabancaria, Zanichelli, 2017. AMADUZZI Aldo, L’equilibrio delle imprese nella teoria e realtà contemporanea con riguardo al rapporto investimenti-finanziamenti, in Bilancio eAmministrazione delle imprese (Studi in Onore di Pietro Onida), Giuffrè, Milano, 1981. AMBROSINI Stefano, La tutela dei finanziamenti dei finanziamenti all’impresa in crisi, in Trattato di Diritto fallimentare e delle altre procedure concorsuali-Le al­tre procedure concorsuali, vol. IV, Giappichelli, Torino, 2014. AMOSI Ettore, SOTTORIVA Claudio, La rappresentazione degli strumenti finanziari partecipativi nel bilancio di esercizio, in Rivista Italiana di Ragioneria e di Economia Aziendale, Marzo-Aprile 2012. ARCURI Ignazio, La crisi d’impresa oggetto di risanamento-Il piano di risanamento attestato e il nuovo sovraindebitamento, in Il Nuovo Fallimento, Milano, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social